Dalle stelle alle stalle, meteora Boschi

Osannata da tutti i media soltanto tre anni fa, era il nuovo volto femminile della politica italiana, bell’aspetto, decisa, emblema della new generation in un contesto nebuloso per il paese

appare oramai lontanissimo quel periodo di scalata renziana alle vette della politica italiana, e appare lontanissimo quel periodo di osanna mediatici verso la piacente ministra, simbolo della dinamica e sprezzante offensiva delle giovani leve piddine. Assediata da sospetti, biasimi, rancori, e sobbarcatasi una buona parte del peso della  spregiudicata, forse anche per lei scalata lampo e rottamatrice della cerchia renziana, ora non si capacita come tutto le sia crollato addosso, e forse assista agli ultimi scampoli di “notorietà” e popolarità politica che le scivolano via. Ha da par suo un certo spirito combattivo e pare aggrapparsi con le unghie a quel ruolo che si era ritagliata (sfacciatamente) all’indomani della grave sconfitta sul referendum, di cui lei era principale ed in solido con Renzi attrice. Resistere ora, ai colpi sul conflitto di interessi della questione “Etruria” pare una faccenda da assedio di Alamo, e temiamo per lei, che la fine non sarà dissimile. Oramai la sua stella è alquanto offuscata, con la fine della legislatura e il ridimensionamento di Renzi, non paiono davvero sussistere margini di ribalta, assistiamo piuttosto alla parabola di una meteora nel panorama politico italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Gli scorretti

Ven Dic 22 , 2017
Boldrini & Grasso, ovvero come usare gli ultimi scampoli del proprio mandato istituzionale per scopi politicamente personali Non sono stati certo l’apice del ruolo istituzionale che incarnano, sopratutto la prima, pare essere stata la più impopolare e meno amata figura istituzionale dall’inizio della repubblica. Imposta non si sa come, da […]
it_ITItaliano
en_USEnglish it_ITItaliano