Il governo tedesco non si smentisce, negato il risarcimento alle vittime

Dopo la mancata parola sui premi ai due poliziotti italiani, il mancato risarcimento alle vittime dell’attentato di Natale.

Le brutte figure per il governo tedesco non sono finite, non  solo la parola non è importante per l’esecutivo di Berlino, ma con una legge “cavillo” risalente addirittura all’85 non risarcisce neanche le vittime del grave attentato costato la vita a 12 persone, tra cui una italiana. La denuncia arriva proprio dai genitori della ragazza morta nell’attentato del Dicembre scorso, che descrivono in un’intervista il pressapochismo, la disorganizzazione, la mancanza di supporto anche morale oltre che informativo che le autorità tedesche hanno dato prova nell’occasione. Abbiamo così una panoramica a tutto tondo dell’inadeguatezza della gestione Merkel anche nell’ambito della sicurezza. Un’altra brutta pagina per la Germania, che non sembra tutelare la volontà di sicurezza dei cittadini e il rispetto verso le vittime innocenti, di un attentato oramai riconducibile anche e sopratutto all’inettitudine dell’apparato tedesco.

Next Post

Trump "sbanca" il congresso

Mer Mar 1 , 2017
Il tycoon sorprende ancora e riesce nel miracolo di mettere tutti d’accordo, anche i detrattori. Non se lo aspettavano, cosi pacato e unificante, stavolta Trump ha fatto presa anche tra i più accaniti critici e contestatori. Gli stessi MacCain e lo stesso Sanders sono stati visti applaudire alcuni momenti dell’intervento. […]
it_ITItaliano
en_USEnglish it_ITItaliano